Una guerra che non potrà mai essere vinta ma che dovrà essere sempre combattuta

A cura del Rover Simone Lanza

Buona strada!

La notte tra il 30 novembre e l’1 dicembre 2019, la compagnia Nephilim ha effettuato un pernotto fra le mura della sezione scaut Taranto 2 in occasione della consegna dei tanto attesi foulard e della ideazione della Carta di Compagnia.

Dopo aver svolto la consueta riunione di compagnia, siamo rimasti in sede per la cerimonia di consegna dei foulard. Per chi non l’avesse capito l’ambientazione della compagnia si ispira a Shadowhunters.

Nella parte sinistra del foulard, rappresentante il lato Shadowhunters, ci sono il nero e l’argento che indicano rispettivamente il colore della caccia ai demoni quando il sole muore e argento per le torri antidemoni andando a rappresentare la forza che abbiamo e il nostro desiderio di distruggere i demoni (tutti i nostri pregiudizi, egosimi, paure, avidità ecc…), quale nostra guerra personale che probabilmente non potrà essere mai vinta, ma che dovrà essere sempre combattuta per cercare di miglioraci sempre.

La parte destra,invece, rappresenta il lato umano, sia riprendendo la storia di Clary (che prima dei 18 anni si è creduta umana) che quella di tutti prima di entrare in compagnia, infatti, prima eravamo semplici “mondani” mentre ora abbiamo scoperto di essere Nephilim, riprendendo con significati sta volta appartenenti al mondo mondano dove, il bianco rappresenta la purezza e l’oro la felicità come ideali da proteggere.

Infine dietro il foulard è ricamato il simbolo della nostra compagnia, ovvero, la Runa del Potere Angelico alata. Essa è la runa che conferisce l’identità di Shadowhunter a un Nephilim. Le ali della runa simboleggiano la libertà quale desiderio di elevazione da tutte le schiavitù umane.

La cerimonia della consegna dei foulard dai noi ideata era molto suggestiva e in qualche modo collegata alla cerimonia di fondazione della stessa compagnia, dopo esserci disegnati la runa angelica sul braccio destro, il nostro Capo Compagnia ci ha chiamato uno alla volta sfilando i foulard che erano avvolti attorno alla Spada dell’Anima. Mentre ci metteva al collo il foulard pronunciava la seguente frase:

“Ti concedo la luce e il fuoco degli angeli affinché illuminino la tua strada nelle tenebre, perchè assieme ai tuoi compagni sarete Cacciatori delle Ombre.”

Poi è venuto anche il momento di accogliere nella nostra Compagnia la nuova Scolta Mikaela che ha vissuto la sua Cerimonia di Appartenenza Nephilim bevendo anche lei dalla Coppa Mortale e ricevendo sia la Runa Angelica che il foulard di Compagnia.

Successivamente alla cerimonia c’è stato il nostro momento di spiritualità, la veglia di compagnia, in cui abbiamo tirato giù una prima bozza di quella che diventerà la nostra carta di compagnia.

Con la stanchezza sulle spalle siamo andati a dormire e abbiamo trascorso così la nostra seconda notte insieme.

All’alba del nuovo giorno (forse anche prima), dopo esserci svegliati a suon di musica ed esserci lavati, ci ha raggiunto la compagnia Tahitoa e abbiamo fatto tutti insieme colazione gentilmente offerta dal Primus Bar.

Poi abbiamo fatto strada verso la località balneare Mon Reve per effettuare un’attività di servizio di pulizia spiagge con l’associazione SiAMO Taranto.

Con l’aiuto dell’associazione che ci ha fornito i DPI (Dispositivi di Protezione individuali) adatti siamo riusciti a ripulire circa 600 m di costa. Con l’ausilio di alcune ruspe e qualche camion siamo riusciti soprattutto a smistare i rifiuti in modo da differenziarli.

Credo che abbiamo il dovere di lottare per la vita sulla Terra e non solo a nostro beneficio, ma di tutti quelli, umani e meno, che ci hanno preceduto e ai quali siamo legati, così come coloro che, se siamo abbastanza saggi, arriveranno più tardi. Non c’è una causa più urgente, né più giusta, del proteggere il futuro della nostra specie.”

Nella speranza che almeno questa guerra contro l’inciviltà possa essere vinta, tutti noi siamo rimasti soddisfatti dell’attività di servizio svolta e siamo contenti di aver contribuito alla salvaguardia dell’ambiente della nostra comunità.

Buona Strada